Hercule Poirot indaga

Poirot Investigates
,

, Libro n° 3
Mondadori
1924
eBook
236
Inglese
Lydia Lax
17 Agosto, 2020 1 Dicembre, 2020

Pochi personaggi, nella storia della letteratura poliziesca, possono vantare una carriera lunga e fortunata come quella di Hercule Poirot. Nato nel 1920 e scomparso nel 1975, un anno prima della sua autrice, Poirot è ancora oggi uno dei personaggi più popolari e amati dai lettori di tutto il mondo. Piccolo, grassottello, con baffetti militareschi arricciati sulle punte e la testa "a forma d'uovo", piena di attivissime cellule grigie, il più famoso investigatore dopo Sherlock Holmes ha partecipato con successo a numerose indagini considerate pietre miliari della narrativa gialla. Nelle undici storie di questo volume, pubblicate per la prima volta nel 1924, il geniale detective belga deve risolvere diversi casi veramente complicati, ma di fronte a una mente brillante come la sua, nessun criminale è mai riuscito a farla franca.

goodreads-image-of-book
Di cosa parla

Questo terzo libro dedicato ad Hercule Poirot è una raccolta di racconti che ahimè non trovano mai una votazione super positiva da parte mia. Infatti non mi piacciono poi così tanto le raccolte, di solito i casi sono troppo sbrigativi e la soluzione casca dal cielo come se niente fosse e anche qui devo dire che la parte investigativa non è poi così presente (come è giusto che sia visto che sono racconti e che quindi non devono essere lunghi).

Cosa ne penso

Come per le altre raccolte lette non ho un racconto che mi piace più degli altri, in quanto, come è ovvio, alcune volte la soluzione è data dal caso e dalle coincidenze. Molto probabilmente che leggerò le raccolte solo alla fine (se riesco a capire quali libri sono raccolte e quali racconti interi). Nonostante questo continuerò con la serie forse anche prima della fine dell’anno. Poirot mi piace ma mi piace di più Hasting soprattutto quando non capisce niente, me lo immagino con punti di domanda al posto degli occhi e uno sguardo perso nel vuoto.

Share On:
Post on TwitterPost on FacebookPost on WhatsappPost on LinkedinPost on DigPost on StumbleUpon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *